Festival della Tv e dei Nuovi Media 2016

Un luogo di incontro, uno spazio di riflessione, un laboratorio sul futuro della comunicazione: la quinta edizione del Festival della Tv e dei Nuovi Media, svoltasi come sempre a Dogliani, nel cuore delle Langhe, è giunta alla sua conclusione.

Sono stati quattro giorni intensi, caratterizzati da riflessioni e contenuti da recepire e conservare gelosamente, sia dagli adulti che dai più giovani.

Ha aperto la serata inaugurale il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, il quale, insieme a Carlo De Benedetti e al Direttore del Foglio Claudio Cerasa, ha discusso sulla cultura come strumento necessario per restituire alle nuove generazioni la speranza di un futuro e di una vita migliore.

Numerosi sono stati i temi protagonisti degli altri tre giorni: l’evoluzione della narrazione sportiva; il patrimonio artistico italiano; l’eterno successo della cronaca nera, revisionata e interpretata; il rapporto tra media, cibo e italiani; il dialogo tra giornalismo e politica; le sfide dell’editoria televisiva italiana; storie e immagini raccontate da esperti del cinema; la fiction italiana; le elezioni americane; il rapporto tra i media e l’economia; i Big Data; la diffusione degli ideali di legalità; la comunicazione e la sua influenza sul vino italiano; la diffusione da parte del web delle notizie in tempo reale; la macchina delle notizie; le logiche di fruizione della TV e i video; gli adolescenti del nuovo millennio e il loro rapporto con i media; l’arte dell’intervista.

Non sono mancati i grandi nomi: gli chef Carlo Cracco e Iginio Massari, il conduttore Alessandro Cattelan, Renzo Arbore insieme ai suoi amici di una vita Nino Frassica e Maurizio Ferrini, il comico Diego Abatantuono, Enzo Miccio e Carla Gozzi, Sara e Marco Tardelli, Franca Leosini e i numerosi giornalisti. Senza dimenticare il Faccia a Faccia di Gianni Minoli con il Direttore Generale RAI Antonio Campo Dall’Orto.

Non solo incontri e dibattiti, però: c’è stato spazio per il divertimento. Gli Street Clercks hanno offerto un’ora di grande musica, gli speaker di Radio Capital hanno regalato sorrisi con le trasmissioni live, e il resto hanno fatto la comicità esilarante di Arbore, Frassica e Abatantuono.

Ma il Festival della Tv e dei Nuovi Media 2016 ha guardato con attenzione anche ai giovani: il progetto “Power to the future” ha visto la produzione di interessanti miniserie di 3 puntate ciascuna su un tema a scelta tra il Futuro e l’innovazione, la Famiglia e l’Essere e l’apparire. I due vincitori avranno modo di svolgere uno stage retribuito in Coop o Vodafone.

Il sole, dunque, è calato, venendo oscurato dalle colline di Dogliani e lasciando nell’aria un profumo di vino e di prelibatezze piemontesi: la quinta edizione del Festival è terminata, ma le organizzatrici Simona Arpellino e Federica Mariani guardano già al futuro, e si preparano per la prossima edizione, desiderose di non smettere di stupire.